Vento d’insonnia

image
Scirocco a Castro Marina

Vento d’ insonnia

Notte d’ insonnia, di tempesta e di nuvole basse. Di scirocco africano, pregno di sabbia del Sahara e di essenze tribali. Impietoso, ha scosso incessantemente il bosco di lecci e zittito la civetta e l’assiolo.

Bypassando mentalmente i rumori molesti di barattoli che rotolano, di secchi della differenziata che si capovolgono, di persiane che sbattono, si può isolare il solo fremere delle foglie. Può sembrare il frangersi schiumoso di un’onda nei pressi della riva o lo strisciato di un batterista ispirato.

A Castro, il Pizzo Mucurune da millenni taglia in due le onde gonfiate dal vento. Che spettacolo sarebbe, essere lì, alle quattro del mattino, fra gli spruzzi che si impennano fino a raggiungere la litoranea. Stringersi nella giacca e provare quel brivido, che non è solo di freddo.

Notte d’ insonnia e di pensieri. Di rituali inutili e di camomille che si freddano. Il narratore, come Mister Hyde, ha la meglio sull’uomo, che spera nel riposo. E’ lui il più forte!

Scritto con WordPress per Android

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...