Riflesso

Ero riuscito ad evitarlo per un lungo tempo,  tanto che ormai mi ero convinto che non sarebbe più accaduto che ci incontrassimo e che fossimo costretti a parlarci. Mi era stato abbastanza facile, in diverse occasioni,  porre in essere delle manovre evasive. Quel pomeriggio, però,  il viale era proprio deserto, tirava un forte vento  ed iniziava a piovere.  Ogni folata di scirocco umido scuoteva le querce,  facendo cadere una piccola grandinata di ghiande acerbe  che rimbalzavano sul marciapiede e poi rotolavano nella carreggiata.  Una coppia di tortore, che sembrava legata da un elastico invisibile, era atterrata dalle fronde più basse di un albero e beccava, guardinga, la pastura di ghiande schiacciate dagli pneumatici delle auto.   

Me lo trovai di fronte, a pochi passi. Impossibile evitarlo, impossibile inventare una scusa. Sapevo già che mi avrebbe preso per un braccio e che mi avrebbe proposto un caffè che non avrei potuto rifiutare.

Il bar era proprio lì, a due passi. Lo stesso locale  dove compravamo i gelati e le patatine da piccoli. Nuovo allestimento e nuova gestione. Un bel banco di legno,  chiaro e opaco secondo la moda del momento, lampade alogene sul soffitto che proiettavano sul granito scuro una luce dalla tonalità calda, quasi solare. Mensole di cristallo,  fissate su una parete di tessere di vetro colorate, sulle quali erano allineate le  bottiglie di liquore. Un grande monitor, sul muro di lato, sintonizzato su un canale che trasmetteva solo musica: video vecchi e nuovi che si susseguivano senza interruzioni.

Non sentivo il profumo del caffè, né quello “di nuovo” del legno, né le esalazioni dei mastici e delle vernici a stucco, da poco stese sui muri. Avevo la sensazione di avvertire, invece,  l’odore di freddo e di  muffa che impregnava quel locale trent’anni prima, il rancido degli scarti del caffè andati a male, celati sotto al bancone. Mi sembrava di rivedere anche il vecchio Nino, la difficoltà a lavorare dietro alla sua pancia ed agli occhiali da presbite. Una pancia che lo teneva distante dal banco e che lo costringeva a tenere le braccia  sempre protese in avanti. Negli ultimi tempi preparava  pessimi caffè con la macchina del vapore,  ormai sgangherata e rattoppata,  che aveva perso  pressione e  lucentezza, ed estraeva gelati economici, con la confezione sgualcita,  da un congelatore ingiallito e rumoroso come una Fiat 850. Un caffè che sapeva di amaro e di bruciato…

 

Eravamo così simili, da bambini. Stessi gusti, le stesse attitudini, le stesse passioni. Eravamo convinti che avremmo  realizzato grandi cose, da adulti, che nessuno ci avrebbe mai separati.   

 

Ci sedemmo ad un tavolino posto a ridosso di una vetrata.    

-Che bella sorpresa, averti incontrato! – mi disse con il suo tono allegro e un po’ canzonatorio – Esco  ora da una riunione dell’associazione  e non avevo proprio previsto questa pioggia. Scommetto che hai lasciato ora di lavorare, come al solito. Come vi chiamano nel vostro ambiente? Stakanovisti, aziendalisti… Tu a quale gruppo appartieni?-.

-E’ vero – gli risposi – Sono appena uscito dal lavoro, è tardi lo so, ma non riesco proprio a liberarmi prima. Quello che non faccio la sera si somma al lavoro della mattina successiva. Tu, invece, esci alle due del pomeriggio e ti permetti anche il lusso di partecipare ad attività sociali, il volontariato… Non hai mai lavorato con il fiato di un datore di lavoro sul collo, perché ti paga lo Stato…-.

-Eh no! – mi ribattè – Non rinfacciarmi ora di aver seguito le mie  inclinazioni e di essermi costruito la vita che desideravo. Sai bene com’è andata! Ricordo ancora la faccia stupita  del professore di lettere delle medie  quando gli comunicasti che ti eri iscritto ad un Istituto Tecnico. Ti disse che stavi commettendo un “peccato mortale”. Fui stupito anch’io e la presi proprio male, un tradimento… Non eri tu quello che voleva fare lo scrittore, il pittore, e scrivere dei libri di arte? Sei diventato l’esatto opposto. Ma guardati! Sei in…divisa,  imbalsamato nelle tue giacche strette, con la giugulare compressa dal collo alla francese e dal cravattone. L’ossessione di mantenerti in forma a tutti i costi, fa parte del pacchetto? Mi meraviglio che il tuo cervello non abbia ancora subito danni irreversibili per l’atmosfera modificata che respiri e anche la tua faccia, consentimelo, sembra devastata dall’aria condizionata…-.

         

-Non ti rinfaccio nulla – gli risposi – c’è molto di vero in quello che dici,  ma non sei giusto. Non dimenticare che quelli erano sogni di ragazzini… La vita reale induce, poi, a fare scelte razionali, anche se in contrasto con le nostre intime aspirazioni. Quante volte, grazie alla mia “carriera”,  ho aiutato concretamente chi aveva bisogno mentre tu eri ancora impegnato a realizzare i tuoi progetti… All’epoca, tradito o no, anche tu hai tratto vantaggi  dalla mia condizione e mi sembrava che avessi superato ogni rancore. Non è così? Quanto ai vestiti, si tratta anche di rispettare gli altri, di presentarsi a posto.  Quando si ha un ruolo in un’azienda, quando ci si rapporta con i clienti, è quasi un dovere civico. Tu, invece, porti ancora l’impermeabile di cordura che avevo dismesso. Per fortuna è ancora abbastanza ampio da coprirti quella pancetta che ti si intravede…-.

-E’ proprio quello! – mi rispose – Il tuo impermeabile verde. La cordura è un tessuto indistruttibile, ci fanno le vele delle barche. Mi va bene e lo porto ancora,  perché a me serve per coprirmi. A te,  cos’è che non copriva più quando lo hai lasciato in fondo all’armadio? Come vedi,  abbiamo due modi ormai completamente diversi di intendere la vita. E non sono certo io ad essere cambiato. Per questa pancia ci vorrebbe una dieta e l’attività fisica che non ho mai fatto, lo so…Ma dovrei modificare le mie abitudini e sottrarre del tempo prezioso alle mie attività. Non mi sembra ne valga la pena, non ora. Lascio a te la ginnastica…-.     

Mi voltai, distratto dalla nuvola di vapore che si alzava dalla macchina del caffè e si disperdeva nell’ambiente. Un ragazzo con un grande ciuffo di capelli scuri sulla fronte ne sollevava ed abbassava le leve,  con movimenti precisi, mentre sistemava le tazze sotto ai filtri. Pensai che quella macchina era bella come un’automobile americana d’epoca, con la carrozzeria verniciata di bianco e le cromature scintillanti.                                  
 -Come stanno i tuoi? – mi chiese, cambiando discorso.
-Bene, se la cavano – gli risposi –  Sono indipendenti, come sempre. Con la scusa di non voler dare fastidio ai figli se ne stanno per i fatti loro. Premurosi sempre ma… vivono in un mondo tutto loro, un  po’ fuori dalla realtà. Li lasciamo vivere tranquilli… E i tuoi?

-Cosa vuoi che ti dica? – mi rispose sospirando –  Li vedo invecchiare di più ogni giorno che passa. Mi aspettano, mi telefonano. Sembrano rasserenarsi solo quando mi vedono. Non sono più tanto in salute, anzi sono certo che stiano anche peggio di quello che mi  fanno credere… Li vado a trovare ogni sera e li trovo lì, dietro alla finestra, con le luci abbassate. Sai, gli anziani non possono essere lasciati a  se stessi, non si può dare mai per scontato che preferiscano, che sia una loro scelta, quello che a noi fa più comodo… 

 Ormai era buio, complici le nuvole temporalesche. Non lo ascoltavo più ma seguivo le gocce d’acqua nel loro scorrere sulla vetrata. Dapprima lente, titubanti, incontravano altre gocce, ferme, sul loro percorso e le assorbivano. Aumentavano di volume, acquisivano velocità, diventavano un rigagnolo che precipitava verso il basso. Rimettendo a fuoco, mi accorsi che l’oscurità,  fuori, rendeva il vetro come uno specchio che rifletteva la mia immagine. Non mi riconobbi, il volto riflesso non era il mio, era il suo. Mi alzai e pagai il caffè, un caffè che sapeva di amaro e di bruciato…

Annunci

13 thoughts on “Riflesso”

      1. Chi si è cimentato con la stesura di un romanzo sa che ci vuole tempo e concentrazione ma questi due elementi non si possono dilazionare. Pertanto ho sperimentato, io che peraltro scrivo in modo istintivo, che ciò non è compatibile con il mio attuale standard di vita (lavoro ed altri impegni ed attività). Ho nel cassetto un paio di tentativi incompiuti. Per uno dei due ho deciso di andare fino in fondo, magari bruciando un po’ delle prossime ferie…

        Mi piace

      2. So bene cosa vuoi dire. Scrivere è molto di più che trovare spazio nella giornata. Ma, se riesci a trovare quel che ti serve per farlo, sono sicura ne uscirà una cosa buona, visto che hai le capacità necessarie. Non sono un’esperta, vado per istinto, ma anche per fatti…

        Liked by 1 persona

  1. Per ogni cosa lasciata sospesa ci si ritrova prima o poi a farne i conti. A volte tornano e diventano una piacevole sorpresa, in altre continuano a lasciare l’amaro in bocca come se il tempo trascorso non ne abbia annullata la minima traccia. Dentro lo specchio guardiamo la vita che è passata lasciando i suoi solchi e un caffè aiuta a mandar giù qualche rospo rimasto in gola.
    Bellissimo post, amaro ma vero.
    Buona domenica 🙂
    Affy

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...